Quando la crema di nocciole si fa light…

… proteica, low fat e in casa, la soddisfazione di affondare il cucchiaio nel vasetto è doppia!

Occorrente:

Mixer da cucina.

Ingredienti:

  • 100 gr di nocciole sgusciate e senza pellicina
  • 35 gr di proteine vegetali Complete Juice Plus (vaniglia o cioccolato sono indifferenti!)
  • 35 gr di cacao amaro
  • 35 gr di latte scremato o vegetale
  • 45 gr di acqua
  • 10 gr di miele
  • aroma alla vaniglia

Procedimento:

Tostate in una padella le nocciole qualche minuto facendo attenzione a non bruciarle.

Passatele calde nel mixer ed iniziate a frullare finché non iniziano a rilasciare il loro olio naturale: fermatevi nel farlo ogni tanto per qualche secondo, poi riprendete. Io le ho frullate per dieci minuti buoni.

Incorporate il resto degli ingredienti e continuate a frullare. Se necessario e, a seconda del vostro gradimento riguardo la consistenza, aggiungete altra acqua: io ne ho addizionata altri tre cucchiai da cucina.

Versate la vostra crema in un vasetto precedentemente sterilizzato. Dovrebbe conservarsi in frigo per circa tre settimane, ma dubito ci arrivi 🙈

Con queste dosi viene fuori una quantità di crema di nocciole pari a 13 porzioni da 20 gr l’ una… Calorie??? Le volete sapere??? Per ogni porzione ce ne sono solo 76.

IMG_20190928_145152_485

 

Ridete, ridete… che la Patty ha fatto gli gnocchi!

E  non sto scherzando, li ho fatti sul serio, ma tanto per cambiare li ho fatti strani “furtando” l’idea da un pranzo fra le montagne quest’estate e rivisitando in chiave light e monoporzione la ricetta.

Occorrente:

Olio di gomito💪

Ingredienti:

Per gli gnocchi:

  • 170 gr di melanzana cruda (metà di una piccola!)
  • 50 gr di patata cruda
  • 60 gr di farina integrale

Per il condimento:

  • 80 gr di salsa di pomodoro preparato con un cucchiaino d’olio, un pezzettino di cipollotto e del basilico fresco
  • una grattugiata di ricotta salata

Per i pomodorini confit a guarnizione:

  • 75 gr di pomodorini pachino
  • un cucchiaino d’olio
  • un cucchiaino di zucchero integrale di canna
  • timo, rosmarino, origano, prezzemolo, sale e pepe q.b.

Procedimento:

Per prima cosa preparate i pomodorini confit: divideteli a metà e disponeteli sulla leccarda rivestita di carta forno. Mescolate olio, zucchero, sale, pepe ed erbe aromatiche e spennellateci i vostri pomodorini. Cuocete a 140° C in forno statico per un’ora e mezza. Verificate che evapori l’acqua di vegetazione, ma non brucino: nel caso abbassate ancora un po’ la temperatura di cottura.

Ponete sempre in forno, insieme ai pomodorini, ad appassire per un 50/60 minuti la mezza melanzana ben lavata e con tutta la buccia.

Da parte lessate la patata già sbucciata e quando sarà cotta schiacciatela e fatela raffreddare.

Con un cucchiaio scavate la vostra melanzana appassita lasciando la buccia ben grattata e integra da parte. Schiacciate anche la polpa di melanzana, fatela raffreddare, se serve strizzate e via l’acqua in eccesso. Mescolatela alla patata.

Quando la base dei vostri gnocchi sarà completamente fredda aggiungete gradatamente la farina, impastate allenando i vostri bicipiti 💪 ed, infine, formate gli gnocchi aiutandovi con dell’ altra farina sulla spianatoia.

Intanto che l’acqua di cottura bolle, tagliate a listarelle sottili la buccia della melanzana e saltatela con un pizzico di sale e un filo d’olio evo nel wok: fatela diventare croccante.

Appena l’acqua raggiunge il bollore tuffate i vostri gnocchi e scolateli quando vengono a galla.

Conditeli con metà della salsa di pomodoro, mescolate le bucce croccanti della melanzana e poi impiattate: mettete sul fondo il resto della salsa, disponetevi sopra gli gnocchi conditi e guarnite con i pomodorini confit, un grattugiata di ricotta salata e del basilico fresco.

IMG_20190924_133958_805

Per questo esperimento sceglierei in abbinamento un Lagrein Rosè DOC Alto Adige: fresco, fine al palato e con una sapidità appena accennata che potrebbe ben esaltare questa monoporzione da 350 Calorie.

Ora… visto che LaPatty ha fatto gli gnocchi 😜 mi godo il mio pranzo e voi? Voi ridete, mi raccomando ridete di gusto come fanno i bambini quando sono…

…”invasi da una gioia tanto irrefrenabile quanto incomprensibile. L’unico motivo per spiegare quella felicità potrebbe essere un bel piatto di gnocchi!”

– Marco Lodoli –

 

 

Un’ orata al giorno toglie la fame di torno.

Più o meno🤪😜

Sabato sera, voglia di cena veloce… Esselunga, banco del pesce, un’ orata e via!

Occorrente:

Teglia da forno e poco tempo.

Ingredienti:

  • 300 gr di zucchine (circa tre piccole).
  • 100 gr di pomodorini (io ho usato quelli dell’ orto del mio babbo.
  • 90 gr di avocado.
  • un’ orata già eviscerata (la mia pesava circa 220 gr)
  • 2 lime
  • 2 cucchiaini di olio evo.
  • rosmarino, basilico, salvia, sale e pepe q. b.

Procedimento:

Scaldate il forno statico a 180°C. Tritate il basilico, spremete mezzo lime e affettate i restanti. Mettete a macerare nel succo dell’ agrume le fette dello stesso, il basilico e grattugiatevi lo zenzero.

Affettate zucchine e pomodorini. Farcite con gli odori la pancia della vostra orata: intagliatela superficialmente di modo da infilare in essa delle fette di lime.

Disponete sulla teglia rivestita di carta forno il pesce con attorno zucchine e pomodorini. Guarnite con le restanti fette di lime ed irrorate col succo usato per la macerazione (lasciatene giusto un po’ per la mousse di avocado). Salate, versate l’olio ed infornate per circa 40 minuti.

Eccola prima di finire in forno…

IMG_20190824_192100_055

Intanto che il pesce è in cottura preparate la mousse di avocado di accompagnamento frullando quest’ ultimo insieme ad una spruzzata di lime, sale e pepe.

A voi il mio piatto finale:

IMG_20190824_212807_136

Poco più di 400 Cal. per la mia single cena. Vino in abbinamento scelto un Kerner Vigneti Delle Dolomiti IGT 2017:  la nota agrumata e i sentori floreali del gelsomino presenti in questo vino ben sposano la sapidità di questo piatto… E poi ve la dico tutta, sono tornata dal Trentino con questo “nettare degli dei” tra i ricordi.

Perchè? Perché…

“… ci sono profumi che (una volta percepiti) ti camminano dentro!”

-A. De Pascalis-

 

Perché molto in fondo anche una single come me è…

… dannatamente RRRomantica! Soprattutto se si tratta di dolci: per quelli, come tutti, ho una passione smodata. E anche una fantasia accentuata, oserei dire.

Comunque, visto che in cucina si sperimenta sempre “pensando a qualcuno” farò “coming out”: questa ricetta l’ho creata su ispirazione della mia community di clienti e collaboratrici.

Occorrente:

Complete Cioccolato e Vaniglia Juice Plus e un tagliabiscotti a forma di cuore: va beh vi concedo una forma qualsiasi se proprio di cuori non ne avete 😜

Ingredienti (per tre gelati biscotto!):

Per il biscotto:

  • 40 gr di farina di farro
  • 40 gr di farina di riso
  • 20 gr di Complete Cioccolato Juice Plus
  • 50 gr di latte scremato o vegetale a vostra scelta (io qui ho messo quello al cocco!)
  • 10 gr di olio evo
  • 5 gr di lievito per dolci
  • 5 gocce di stevia

Per il gelato alla vaniglia:

  • 250 gr di yogurt greco zero grassi
  • 20 gr di Complete Vaniglia Juice Plus
  • semi di bacca di vaniglia
  • 5/8 gocce di stevia

Per la decorazione:

  • 12 gr di gocce di cioccolato fondente

Procedimento:

Versate in una ciotola gli ingredienti secchi, mischiateli fra loro ed aggiungete olio, latte e stevia. Impastate e avvolgete nella pellicola. Riponete in frigo 30 minuti. Intanto pre-riscaldate il forno statico a 165°C e preparate il ripieno del vostro biscotto gelato. Con un frullatore ad immersione montate lo yogurt con la stevia, i semi della bacca di vaniglia e il Complete Juice Plus anch’ esso alla vaniglia. Ponete il composto in freezer per circa due ore avendo cura di girarlo ogni tanto per evitare che ghiacci.

Stendete la frolla in una sfoglia di 4 millimetri e ritagliatene sei biscotti. Cuoceteli per circa 15/20 minuti: fate attenzione a non farli bruciare, piuttosto toglieteli prima dei 20 minuti massimi.

Assemblate i vostri gelati: ponete sul primo biscotto circa un centimetro di ripieno, coprite con l’altro, fate aderire le gocce di cioccolato sui bordi e mettete in freezer altri 30 minuti. Procedete così per gli atri due gelati.

Proteici, low fat (molto low oserei dire!) e con meno di 250 Calorie per biscotto… N. B. : Prima di consumarli teneteli fuori dal freezer una decina di minuti!!! 

IMG_20190727_192103

Non a caso ho scelto questa forma… un po’ perché ho la fissa dei cuori e un po’ perché rappresenta il senso della nostra community: ci mettiamo cuore e passione per trasmettere quello in cui crediamo, uno stile di vita sano che inizia da noi, per e con voi❣️

“Scegliete con cura le cose da dire, i messaggi da trasmettere e le persone con cui condividerli, perché questo rende speciale ogni strada che si decide di intraprendere “

Ma… UDITE UDITE ➡️ oggi non finisce qui‼️

Oggi voglio farvi un altro regalo: vi lascio la ricetta della mia chiffon cake da condividere!!! E già… questa NON è una ricetta monoporzione: ma è una ricetta da assaporare ❤️ con le persone a cui tenete, da regalare a chi fa sorridere il vostro cuore.

Occorrente:

Stampo per ciambellone americano da 24 cm di diametro.

Ingredienti:

  • 6 uova medio/grandi
  • 200 gr di farina integrale
  • 85 gr di farina di riso
  • 300 gr di zucchero di canna integrale
  • 200 ml di acqua a temperatura ambiente
  • 120 ml di olio di semi di mais
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 1 bustina di cremor tartaro
  • la scorza grattugiata di un limone e di un’ arancia (in alternativa potete usare una fialetta di aromi di questi agrumi)
  • i semi di una bacca di vaniglia

Procedimento:

Portate la temperatura del forno statico a 165°C.

Separate i tuorli dagli albumi e montate a neve ben ferma questi ultimi insieme al cremor tartaro.

In un’ altra ciotola versate i tuorli, lo zucchero, le farine, il lievito, l’acqua, l’olio, la vaniglia e le bucce/aromi di arancia e limone e mischiate con la frusta elettrica finché non viene fuori un composto omogeneo e senza grumi: io metto tutti gli ingredienti suddetti assieme e poi monto il tutto.

Con una spatola unite gli albumi al resto dell’impasto: versate nello stampo NON imburrato e infarinato perché poi la vostra chiffon dovrà raffreddare a testa in giù per cui dovrà rimanere attaccata alla teglia!!!

Cuocete per un’ ora esatta trascorsa la quale dovete estrarre la vostra torta dal forno e capovolgerla immediatamente.

Io la lascio raffreddare una notte: perché in fondo le cose buone e belle hanno bisogno di tempo e cura ❤️

Eccola la mia healthy chiffon cake con solo 260 Calorie ogni 100 gr.

IMG_20190727_115808_507

Vi auguro di condividere questa torta con dei buoni Amici e di brindare a loro con un Asti Spumante DOCG per esaltare la freschezza e la spugnosità di questa chiffon.

Ora vi lascio con una frase che la dice lunga sull’ Amicizia e vi do appuntamento a dopo le mie imminenti ferie con nuove sane ricette monoporzioni: buona estate ❣️

“Quello che conta tra amici non è ciò che si dice, ma quello che non occorre dire.”

-Albert Camus-

 

 

Le mie farfalle nello stomaco…

… sanno di avocado! Già perché se sono nello stomaco le farfalle te le sei per forza mangiate e quindi hanno un sapore. Mi fa sorridere come espressione che rappresenta innamoramento questa delle “farfalle nello stomaco!”

Piuttosto usate “gli occhi a cuore”, “tre metri sopra il cielo”… Ma “le farfalle, nello stomaco”: avevate fame, dite la verità.

Come me, che sono arrivata a casa affamata e con la voglia di preparare velocemente.

Nel mio frigo è onnipresente l’avocado. Stasera c’erano anche i fiori di zucca dell’orto del mio Babbo e un filetto di rombolino comprato oggi all’esselunga.

Occorrente:

Wok e frullatore ad immersione.

Ingredienti:

  • 180 gr di fiori di zucca
  • 150 gr di filetto di rombolino
  • 90 gr di avocado
  • 2 acciughe sott’olio
  • 1 cucchiaino da tè d’olio evo
  • succo e scorza di mezzo lime
  • sale e pepe q. b.

Procedimento:

Mettete l’olio a scaldare nel wok con le acciughe sminuzzate: cuocete  pochi minuti i fiori di zucca facendo attenzione che non si disfino. Salateli e pepateli.

Nel wok bollente saltate alla piastra il rombolino. Aggiustate anch’esso di sale e pepe.

Frullate l’avocado col succo di lime e un pizzico di sale. Mantecate alla fine con la scorza grattugiata del lime stesso.

Veloce e gustosa:

IMG_20190709_204003_700

questa monoporzione ha solo 350 Calorie.

Non male (ovviamente!) l’accostamento alla crema di avocado per accompagnare il pesce: la sua delicata cremosità smorza la prepotente sapidità dei fiori di zucca… Come dire gli opposti che si attraggono!

Ho abbinato la mia cena ad un Cortese dell’alto Monferrato DOC. Volevo festeggiare in casa mia in compagnia di me stessa. Così… Semplicemente!

“Il segreto è stare bene con se stessi. Solo allora, ovunque andrai (e starai), sarà il posto più bello del mondo.”

Quando ti svegli single e creativa…

…con quella “voglia di qualcosa di buono” e sai che in cucina ci sono le ciliegie: ti fermi e pensi…

Sanno di attenzioni e fatica le ciliegie: dalla cura dell’innesto, alla potatura, sino ad arrivare alla raccolta sotto il solo cocente di giugno.Sanno di ricordi, di pendenti doppi a cavallo delle orecchie, di una cesta in testa e “nu zinàle” con le tasche colme. E sanno di quel kirsch tanto amato da chi hai nel cuore e che hai scoperto in solitaria solo un paio di anni fa. E infine sanno d’Amore, di unioni perfette come quella con la vaniglia…

Così l’idea si è concretizzata: “la vaniglia!” – mi son detta – “perché non ci ho pensato subito”.

Occorrente:

Due stampini da 8 cm di diametro o lato: io ho usato due coppapasta rivestiti di carta forno e poggiati su una teglia coperta dalla medesima carta. In alternativa una tortiera da 14 cm.

Ingredienti:

  • 130 gr di albume (o 2 uova intere con aggiunta di latte scremato sino ad arrivare al peso suddetto!)
  • 80 gr di farina di riso
  • 6 gr di lievito
  • 36 ciliegie private del nocciolo
  • 10 gocce di stevia (o se preferite più dolce l’impasto aggiungetene a piacimento)
  • qualche goccia di aroma alla vaniglia
  • zucchero a velo integrale di canna per decorare

Procedimento:

Preriscaldate il forno statico a 165°C. Montate gli albumi a neve non troppo ferma. Aggiungete farina, lievito e vaniglia.

Rivestite gli stampi di carta forno e disponete in ognuno 9 ciliegie alla base. Versate il composto e sopra posizionate altre nove ciliegie.

Cuocete per circa 20 minuti (fate prova stecchino! ) alla temperatura di pre-riscaldamento. Sfornate, decorate con lo zucchero a velo e gustate.

Questa volta ho voluto “giocare” a  “trova le differenze”: ho replicato la ricetta sostituendo 40 gr di farina di riso con 40 gr di shake Complete Juice Plus alla vaniglia, così da poter rendere questo dolce perfettamente in linea col mio percorso. Beh… Gli amici che hanno assaggiato hanno gradito entrambe le versioni, con un leggero (ma meritato) vantaggio della versione con polvere proteica.

In ambo i casi questa ennesima ricetta monoporzione non supera le 135 Calorie per 100 gr.

Serve dire altro??? Ah si… Qui sotto i due risultati a confronto:

IMG_20190626_205629_527

Il fisico che è in me vuol concludere questo articolo con la citazione di un grande:

“La creatività è l’intelligenza che si diverte.”

-Albert Einstein-

E qui un po’ sorrido se penso che la single (un po’ acida) che è in me invece, ha creato questo dolce ripensando a come la circonferenza addominale di alcuni uomini (non vogliatemene voi maschietti!) vari proporzionalmente alle fasi delle loro storie d’amore… Dovevano capitare sotto le mie manine per restare in forma😜

È questione di attimi.

Un attimo prima apri il frigo e ti sembra non ci sia nulla, l’attimo dopo lo riapri e ti balena l’idea per la tua cena.

Stanca, giornata lunga: avevo solo voglia di rilassarmi stasera. Non c’era granché in frigo: c’era più che altro un po’ di tutto, ma è stato sufficiente a scatenare la mia fantasia. Credo di aver ripreso da mia madre in questo: anche con poco riusciva a farci alzare soddisfatti da tavola.

Occorrente:

Tre stampini da muffins.

Ingredienti:

  • 200 gr di cavolfiore già pulito
  • 20 gr di parmigiano reggiano stagionato 36 mesi
  • 70 gr di albume
  • 100 gr di mazzancolle
  • 100 gr di asparagi
  • 70 gr di avocado
  • 100 gr di pomodorini
  • un cucchiaino da tè di olio evo
  • sale e pepe q. b.
  • un pezzo d’aglio
  • succo di mezzo lime

Procedimento:

Pre-riscaldate il forno a 170°C e passate al mixer il cavolfiore, precedentemente sbollentato, con il parmigiano, il pezzettino d’aglio ed il parmigiano.

Montate in un piatto l’albume con una forchetta, unite il trito di cavolfiore ed insaporite con un pizzico di sale e pepe. Rivestite gli stampini da muffins di carta forno e distribuitevi il composto di cavolfiore. Cuocete per 20 minuti, o comunque finché non saranno croccanti, i vostri cestini avendo cura di farli “sgonfiare” qualora in cottura tendessero a riempire lo stampo. Sfornate e fate raffreddare.

Saltate in padella o al wok le mazzancolle sbollentate in precedenza e di seguito le punte di asparagi. Aggiustate entrambi di sale e pepe.

Tritate i pomodorini e l’avocado e conditeli con sale e succo di lime. Distribuite tutti gli ingredienti nei cestini come ho fatto io:

IMG_20190611_205537_203

Con appena 102 Calorie per 100 gr. questa cena “svuota-frigo” è servita.

A volte basta poco, basta solo avere fantasia da vendere… il resto è questione di attimi.